CleanEco Service http://www.cleanecoservice.it/wordpress cleanecoservice Mon, 30 Oct 2017 11:11:55 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.8 Allontanamento volatili – repellente per volatili molesti http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/allontanamento-volatili.html http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/allontanamento-volatili.html#comments Thu, 14 Mar 2013 14:23:03 +0000 http://www.cleanecoservice.it/wordpress/?p=1011 Repellente per volatili molesti – Allontanamento volatili molesti Viene dal Giappone la rivoluzionaria e innovativa risposta al controllo ed allontanamento  volatili con effetto a lunga durata e per lo più completamente naturale. Il disagio e le problematiche dei piccioni nelle città rimane, a tutt’oggi, un problema non risolto dal punto di vista igienico-sanitario a causa […]

The post Allontanamento volatili – repellente per volatili molesti appeared first on CleanEco Service.

]]>
Repellente per volatili molesti – Allontanamento volatili molesti

Viene dal Giappone la rivoluzionaria e innovativa risposta al controllo ed allontanamento  volatili con effetto a lunga durata e per lo più completamente naturale.

Il disagio e le problematiche dei piccioni nelle città rimane, a tutt’oggi, un problema non risolto dal punto di vista igienico-sanitario a causa delle loro abitudini di nidificazione e dei gravi disagi provocati dall’inquinamento di guano prodotto. Il sistema di allontanamento volatili molesti,  è mirato per preventire quelli che potrebbero essere i danni agli obiettivi maggiormente colpiti, con ripercussioni anche dal punto di vista economico, sono: edifici pubblici, privati e commerciali, monumenti storici, siti produttivi, impianti di stoccaggio, cartelloni e  la lista potrebbe andare avanti all’infinito.

In particolare annoveriamo:

– inquinamento di manufatti e superfici edili causato dal guano con conseguente inestetismo visivo 
- diffusione di malattie
- rumore/disturbo 
- ossidazione di metalli e necessità di interventi di manutenzione

La nuova soluzione

Bye-Birds è la soluzione naturale per il controllo e allontanamento volatili sviluppata dalla giapponese Anjin Co., Ltd. (Nagahama). Attualmente è il prodotto più risolutivo e maggiormente conosciuto sul mercato nipponico, e sta iniziando ad essere utilizzato anche in Europa. 
l’Innovazione al vecchio problema della nidificazione dei piccioni, permette a Bye-Birds di ottenere risultati ottimali, senza l’utilizzo di pericolose sostanze chimiche e mantenendo un profilo pienamente eco-sostenibile.

Caratteristiche principali del prodotto:

  • 
completamente naturale ed a base di erbe, non tossico, zero VOC (Composti Organici Volatili);
  • assolutamente sicuro per gli uccelli e gli esseri umani;
  • vantaggio unico perché sfrutta gli studi psicologici, comportamentali e di nidificazione degli uccelli;
  • consigliato per installazioni professionali;
  • ideale per edifici pubblici e commerciali, monumenti storici, magazzini, stabilimenti di produzione, cartelloni pubblicitari, aziende alimentari, ecc;
  • efficace contro piccioni e altri uccelli di piccola e media taglia;
  • flessibilità di installazione, può essere installato in zone difficili da raggiungere;
  • lunga durata nel tempo.

Bye-Birds è un prodotto brevettato. E’ un disabituante per colombi ma anche per storni, corvi, rondini, passeri, gabbiani, allontanamento volatili in genere.

E’ completamente naturale frutto di un mix di oli essenziali estratti da essenze vegetali. 
I “principi attivi” essenziali sono 2: la Capsaicina, composto chimico responsabile della piccantezza dei peperoncini che emana l’odore caratteristico del prodotto e la Menta.

Le caratteristiche di repellenza viene percepita dai volatili attraverso 3 sensi:
- Olfatto
- Tatto
- Vista

Analisi dei punti di debolezza dei sistemi alternativi:

SPILLI (dissuasori meccanici)

Ad alto rischio di inefficacia poiché spesso gli uccelli si abituano a questa nuova superficie. Problemi di animal welfare a causa delle punte acuminate che possono  anche danneggiare fisicamente gli uccelli.

RETI

Compromettono l’estetica di un edificio. Non dissuasivi perché i piccioni considerano la rete come una parte della struttura cercando comunque di trovare un modo per costruire il nido. Hanno alti costi di applicazione.

CAVI ELETTRICI (dissuasori elettrificati)

Diventano poco efficienti se non coprono l’intera area su cui gli uccelli possono atterrare. Hanno costi di applicazione mediamente alti.

PRODOTTI CHIMICI E REPELLENTI

I prodotti chimici, ormai in disuso, possono svolgere un’efficace funzione  di allontanamento volatili perché repellenti per gli uccelli, ma li danneggiano fisicamente e possono ucciderli. Tali sostanze sono inoltre dannose per gli esseri umani. I repellenti tradizionali naturali hanno una bassa durata.

Processo di installazione del Bye-Birds

  • Valutazione del sito da parte del team di installazione
  • Rimozione manuale o meccanica di escrementi di piccione
  • Installazione dei vassoi Bye-Birds con silicone
  • Vassoi Bye-Birds installati
  • Inserimento del prodotto Bye-Birds nei vassoi
  • Installazione completata del Bye-Birds
  • Allontanamento volatili molesti

The post Allontanamento volatili – repellente per volatili molesti appeared first on CleanEco Service.

]]>
http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/allontanamento-volatili.html/feed 6
Più di mille ratti in casa: derattizzazione record a Los Angeles, i roditori dati in ‘adozione’ http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/derattizzazione-record.html http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/derattizzazione-record.html#respond Tue, 12 Apr 2011 16:57:09 +0000 http://www.cleanecoservice.it/wordpress/?p=918 Derattizzazione Più di mille ratti in casa: derattizzazione record a Los Angeles, i roditori dati in ‘adozione’ Mille ratti in adozione. L’incredibile notizia arriva dalla California, dove “Hoarders”, celebre reality show dell’emittente A&E, sta cercando nuovi padroni ai roditori dopo la loro cattura in una casa di Los Angeles. Tutto ebbe inizio quando la figlia […]

The post Più di mille ratti in casa: derattizzazione record a Los Angeles, i roditori dati in ‘adozione’ appeared first on CleanEco Service.

]]>
Derattizzazione

Più di mille ratti in casa: derattizzazione record a Los Angeles, i roditori dati in ‘adozione’
Mille ratti in adozione. L’incredibile notizia arriva dalla California, dove “Hoarders”, celebre reality show dell’emittente A&E, sta cercando nuovi padroni ai roditori dopo la loro cattura in una casa di Los Angeles.

Tutto ebbe inizio quando la figlia del proprietario dell’immobile, una donna malata di mente, comprò un ratto, femmina e per giunta gravida, pensando fosse un topino domestico. Alla prima figliazione ne seguirono altre. E la casa si riempì velocemente di sorci. Con conseguenze facilmente immaginabili: i ratti stavano letteralmente facendo a pezzi l’edificio sgranocchiandolo e vagavano liberi per la proprietà, giardino compreso. Fino a quando i vicini di casa non si sono decisi a intervenire, chiamando appunto la redazione di “Hoarders”, reality show famoso perché aiuta le persone a disfarsi delle cose in eccesso. (Per saperne di più vai a IlSussidiario.net).

LA LIBERAZIONE – Gli autori del programma hanno a loro volta contattato degli esperti per decidere come intervenire nella derattizzazione. A occuparsi della liberazione dei ratti è stata l’associazione no profit North Star Rescue. Una volta arrivati sul posto, i volontari si sono trovati di fronte una scena inimmaginabile. “I ratti erano dappertutto, ovunque ti muovevi in casa te li trovavi addosso”, ha raccontato l’esperta Lauren Paul a un giornale locale, il San José Mercury News. Ci sono volute 30 persone e 18 camion per riuscire a condurre fuori dalla casa i mille roditori, che sono poi stati trasportati in un negozio di animali di San José, l’Andy’s Pet Shop. Uno dei pochi luoghi adatti a ospitarli in attesa della loro adozione. I ratti sono stati sistemati in uno stanzone vuoto di 465 metri quadri. (Per saperne di più vai a IlSussidiario.net)

IL COMMENTO DELL’ESPERTO – “Catturare i ratti non deve essere stato neanche difficilissimo. Ma chissà che puzza di urina e di escrementi si saranno dovuti sorbire i volontari”, commenta Guglielmo Pampiglione, docente di Entologia all’università di Bologna, contattato dalla redazione di www.ilsussidiario.net. Il professore, noto per le sue molteplici disinfestazioni, dice la sua anche sull’adozione dei mille ratti. “Possono diventare animali domestici come i criceti, ma non scarterei l’opzione di liberarli nel loro habitat naturale”.

Fonte: it.notizie.yahoo.com

 derattizzazione derattizzazione

The post Più di mille ratti in casa: derattizzazione record a Los Angeles, i roditori dati in ‘adozione’ appeared first on CleanEco Service.

]]>
http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/derattizzazione-record.html/feed 0
Disinfestazione Eliminazione Ratti E Piccioni: Topi, chiuso il parco giochi. Un cacciatore ogni 21 mila ratti http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/disinfestazione-eliminazione-ratti-e-piccioniparco-giochi-un-cacciatore-ogni-21-mila-ratti.html http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/disinfestazione-eliminazione-ratti-e-piccioniparco-giochi-un-cacciatore-ogni-21-mila-ratti.html#respond Tue, 12 Apr 2011 16:45:42 +0000 http://www.cleanecoservice.it/wordpress/?p=908 Disinfestazione Eliminazione Ratti E Piccioni Oltre 200 interventi all’anno dal centro alla periferia (senza molti risultati – verrebbe voglia di aggiungere) MILANO – «A tutela della salute dei cittadini», soprattutto mamme e bambini, l’Asl ha spedito una richiesta «urgente» al Comune: sbarrare l’area giochi di piazza Irnerio, impedire incontri ravvicinati con topi e piccioni, sfoltire […]

The post Disinfestazione Eliminazione Ratti E Piccioni: Topi, chiuso il parco giochi. Un cacciatore ogni 21 mila ratti appeared first on CleanEco Service.

]]>
Disinfestazione Eliminazione Ratti E Piccioni

Oltre 200 interventi all’anno dal centro alla periferia (senza molti risultati – verrebbe voglia di aggiungere)

MILANO – «A tutela della salute dei cittadini», soprattutto mamme e bambini, l’Asl ha spedito una richiesta «urgente» al Comune: sbarrare l’area giochi di piazza Irnerio, impedire incontri ravvicinati con topi e piccioni, sfoltire le siepi e prendere le precauzioni del caso, nella casa dei sorci predatori, in attesa che la colonia di zona Washington sia debellata. Milano va alla battaglia delle fogne, sicura di perderla: «Possiamo solo arginare i topi, non eliminarli». L’Asl effettua oltre 200 blitz all’anno nei giardini infestati: e ogni anno ritorna. Le imprese di derattizzazione iscritte alla Camera di Commercio sono circa 600, e solo un centinaio sono «altamente specializzate». Anche a volere stare larghi, il peso degli eserciti è dispari e il paragone disarmante. Un cacciatore ogni 21 mila prede. I topi, a Milano, sono almeno 13 milioni.

Il giorno dopo la denuncia, in piazza Irnerio raccolgono firme le petizioni da inviare al Comune: «Bisogna restituire pulizia e decoro». L’Asl, qui, aveva già sparso veleno tre anni fa e il 9 settembre ha ricevuto questa segnalazione: «I topi sono tornati». I tecnici, ieri, hanno distribuito dosi di vitamina K: è una trappola. «L’Asl deve porre attenzione ai veleni, affinché cani e gatti non subiscano danni», avverte il Garante degli animali: «Meglio evitare la colla e utilizzare le scatole anti topi».

Sotto l’asfalto, Milano è ancora sé stessa: una città d’acqua, venata di canali, habitat ideale per i roditori. L’Asl ha una mappa di «zone a rischio» che aggiorna sulla base delle segnalazioni dei cittadini («Fondamentali») e in cui interviene «sistematicamente»: sono previste dodici campagne di derattizzazione all’anno al parco Sempione e ai giardini di Porta Venezia, dieci alla Villa Reale, otto in piazza Lega Lombarda, in viale Monte Nero e al parco Lambro, sette in piazzale Baracca, largo Corsia dei Servi e piazza Santo Stefano. Brera è stata aggiunta a fine agosto: era sotto l’assedio delle pantegane. Piazza Irnerio è l’ultima emergenza.

Ai topi di città, in questa stagione, si aggiungono i cugini di campagna: migrano dall’hinterland, in cerca di cibo. «Per contrastarli bisogna coinvolgere di più le aziende di disinfestazione qualificate e coordinare gli interventi con l’Associazione di categoria», sostiene lo specialista Marco Gusti: «Purtroppo, spesso, ci si affida ai pifferai magici». Nell’elenco della Camera di Commercio, tra imprese vere e improvvisate, facchini e pr, persino un ristorante ha messo la derattizzazione tra gli «obiettivi di pulizia».

Disinfestazione Eliminazione Ratti E Piccioni

Fonte: milano.corriere.it

dinfestazione eliminazione ratti e piccioni dinfestazione eliminazione ratti e piccioni dinfestazione eliminazione ratti e piccioni dinfestazione eliminazione ratti e piccioni

Disinfestazione Eliminazione Ratti E Piccioni

The post Disinfestazione Eliminazione Ratti E Piccioni: Topi, chiuso il parco giochi. Un cacciatore ogni 21 mila ratti appeared first on CleanEco Service.

]]>
http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/disinfestazione-eliminazione-ratti-e-piccioniparco-giochi-un-cacciatore-ogni-21-mila-ratti.html/feed 0
Cani avvelenati, nel 2009 sono stati circa 130 mila http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/cani-avvelenati-nel-2009-sono-stati-circa-130-mila.html http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/cani-avvelenati-nel-2009-sono-stati-circa-130-mila.html#respond Tue, 12 Apr 2011 16:41:24 +0000 http://www.cleanecoservice.it/wordpress/?p=905 (ASCA) – Roma, 3 apr – Sono stati circa 130.000 i cani rimasti vittime di avvelenamento nel 2009; di questi circa 39.000 sono morti. Nonostante lo spargimento di bocconi avvelenati sia oramai un reato, la strage silenziosa dei cani avvelenati non accenna a fermarsi. Sono i dati diffusi oggi dall’Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente […]

The post Cani avvelenati, nel 2009 sono stati circa 130 mila appeared first on CleanEco Service.

]]>
(ASCA) – Roma, 3 apr – Sono stati circa 130.000 i cani rimasti vittime di avvelenamento nel 2009; di questi circa 39.000 sono morti. Nonostante lo spargimento di bocconi avvelenati sia oramai un reato, la strage silenziosa dei cani avvelenati non accenna a fermarsi.

Sono i dati diffusi oggi dall’Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente – AIDAA Diverse le motivazioni all’origine degli avvelenamenti: nelle regioni del Sud, dove piu’ forte e’ il fenomeno del randagismo, migliaia di cani prevalentemente appunto randagi vengono uccisi dai bocconi avvelenati sparsi in luoghi isolati, prevalentemente in campagna, dove abitualmente si radunano i branchi di cani randagi.

Il fenomeno dei bocconi avvelenati e’ piuttosto diffuso anche nelle regioni del Centro Italia ed in Veneto.

Nelle aree urbane si registra invece l’aumento dell’avvelenamento di cani domestici, vittime questi delle esche avvelenate sistemante nelle aiuole pubbliche e destinati alla derattizzazione; anche in questo caso il livello dei decessi dei cani e’ pari al 30% del totale degli avvelenamenti; tra le zone piu’ colpite da questo fenomeno ci sono Milano e i paesi dell’hinterland.

Non mancano infine casi di avvelenamento ”a domicilio’, cani in questo caso vittime prevalentemente di esche killer buttate da vicini intolleranti che non sopportano l’abbaiare di Fido.

Al Tribunale degli Animali di AIDAA nel 2009 sono arrivate 714 segnalazioni di cani avvelenati all’interno di proprieta’ private.

”Il fenomeno degli avvelenamenti che colpiscono ogni anno circa 130.000 cani e’ variegato – ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale AIDAA -. Se al Sud ed in Centro Italia e’ diffusa la prassi illegale di avvelenare i cani randagi, nelle zone urbanizzate aumentano i casi di avvelenamento da esche derattizzanti e casi di cani uccisi all’interno del loro giardino, probabilmente da vicini intolleranti. Crediamo necessario – conclude Croce – un intervento massiccio di controllo per arginare, e se possibile stroncare, questo odioso fenomeno. Non e’ infatti uccidendo gli animali che si risolve il problema del randagismo, ma intensificando le campagne di sterilizzazione; considerando altresi’ la pericolosita’ delle esche velenose che oltre ad essere mortali per i cani possono esserlo anche per i bambini”.

Fonte: www.asca.it

The post Cani avvelenati, nel 2009 sono stati circa 130 mila appeared first on CleanEco Service.

]]>
http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/cani-avvelenati-nel-2009-sono-stati-circa-130-mila.html/feed 0
Padre trova topo morto nel pane mentre fa un sandwich per i figli http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/padre-trova-topo-morto-nel-pane-mentre-fa-un-sandwich-per-i-figli.html http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/padre-trova-topo-morto-nel-pane-mentre-fa-un-sandwich-per-i-figli.html#respond Tue, 12 Apr 2011 16:36:01 +0000 http://www.cleanecoservice.it/wordpress/?p=902 Un padre di Kidlington, Oxfordshire, ha trovato un topo morto letteralmente incastrato in una fetta di pane con la quale stava preparando un sandwich per i suoi figli. Stephen Forse, 41 anni, era già a buon punto con la preparazione del panino quando ha notato un oggetto scuro spuntare dallo spigolo di una delle fette. […]

The post Padre trova topo morto nel pane mentre fa un sandwich per i figli appeared first on CleanEco Service.

]]>
Un padre di Kidlington, Oxfordshire, ha trovato un topo morto letteralmente incastrato in una fetta di pane con la quale stava preparando un sandwich per i suoi figli.

Stephen Forse, 41 anni, era già a buon punto con la preparazione del panino quando ha notato un oggetto scuro spuntare dallo spigolo di una delle fette. “Guardando più da vicino – ha raccontato – mi sono accorto che quella cosa era pelosa”. Solo dopo un po’ ha capito di cosa si trattava. Un topo.

Il ‘ritrovamento’ è stato documentato da una foto, diffusa dalla AP e da altre agenzie. Inutile dire che non è un’immagine adatta a chi ha uno stomaco sensibile: si tratta di un topolino morto, finito non si sa come in quella fetta di pane. La stampa inglese, dal Daily Mail in poi, ha pubblicato la foto in bella vista all’interno dei suoi articoli. L’immagine ‘incriminata’ è quella qui sotto. Per vederla in dimensioni maggiori clicca qui, ma attenzione: potrebbe impressionare gli utenti più sensibili.

La vicenda non si è chiusa con questa foto, anzi. La confezione di pane nella quale è stato trovato il topo è stata analizzata dagli ispettori sanitari locali. Si tratta di una marca inglese, la Hovis. Il vero nodo di questa vicenda è che Stephen non aveva scelto la confezione da sé: l’aveva acquistata online da Tesco, nota catena di supermercati inglese.

Secondo le analisi, al cadavere del topolino mancava la coda. Un dettaglio che ha fatto inorridere Sthephen: “E se la coda si fosse staccata dal corpo dell’animale per finire in un’altra fetta di pane? Magari una delle fette che io e la mia famiglia abbiamo mangiato ieri”.

Il produttore del pane, la ‘Premier Foods’, è stato multato e dovrà pagare 5mila sterline, circa 6.400 euro, ai quali si aggiungono altre 11mila sterline per non aver garantito gli standard igienici nella loro sede a Sud di Londra.

‘Premier Foods’ è il maggiore distributore di alimentari in Inghilterra e la Hovis è uno dei suoi marchi di punta. Un brutta pubblicità per entrambi.

Fonte: yahoo.com

 

The post Padre trova topo morto nel pane mentre fa un sandwich per i figli appeared first on CleanEco Service.

]]>
http://www.cleanecoservice.it/wordpress/news/padre-trova-topo-morto-nel-pane-mentre-fa-un-sandwich-per-i-figli.html/feed 0
Disinfestazione Zanzare – Ecologia e sicurezza contro le zanzare http://www.cleanecoservice.it/wordpress/disinfestazione-ecologica/disinfestazione-zanzare.html http://www.cleanecoservice.it/wordpress/disinfestazione-ecologica/disinfestazione-zanzare.html#respond Wed, 10 Nov 2010 17:26:24 +0000 http://www.cleanecoservice.it/wordpress/?p=726 Disinfestazione Zanzare – Ecologia e sicurezza contro le zanzare Zanzare-Stop!!!! CleanEco combatte le zanzare in maniera naturale ed ecologica. CleanEco si avvale di un prodotto di ultima generazione che combatte il problema zanzara in maniera assolutamente naturale rispettando la salute e l’ambiente. Il prodotto è di origine naturale a base di succo di aglio. Il […]

The post Disinfestazione Zanzare – Ecologia e sicurezza contro le zanzare appeared first on CleanEco Service.

]]>
Disinfestazione Zanzare – Ecologia e sicurezza contro le zanzare

Zanzare-Stop!!!! CleanEco combatte le zanzare in maniera naturale ed ecologica.

CleanEco si avvale di un prodotto di ultima generazione che combatte il problema zanzara in maniera assolutamente naturale rispettando la salute e l’ambiente. Il prodotto è di origine naturale a base di succo di aglio. Il suo caratteristico odore, che per l’olfatto umano svanisce rapidamente, confonde le zanzare non consentendo di localizzare il corpo umano. Pertanto è un prodotto:

  • Ecologico, non contiene veleni
  • Naturale, impiega sostanze naturali
  • Sicuro, non è tossico per l’uomo, amimali e piante
  • Idealenella strategia di lotta integrata alla zanzara ed in particolare alla zanzara tigre

E’ vero che le zanzare preferiscono le persone con il sangue dolce?

Le zanzare hanno dei recettori olfattivi molto sviluppati che permettono loro di localizzare il corpo umano attraverso la percezione dell’anidrite carbonica emanata dall’epidermite. Pertanto il prodotto utilizzato completamente naturale a base di succo di aglio, svolge un’azione confondentenei confronti delle zanzare; infatti il caratteristico odore dell’aglio, che per l’olfatto umano svanisce rapidamente, viene recepito dalle zanzare anche dopo 15 giorni dalla data di applicazion, impedendo la localizzazione dell”uomo e degli animali, riducendo fortemente il rischio di punture ed irritazioni.

Contro le zanzare in tutti gli ambienti

Grazie alle caratteristiche di assoluta atossicità, può essere impiegato per il trattamento di tutti gli ambienti, interni ed esterni, domestici e civili. Non presenta alcuna controindicazione per l’uomo, gli animali e la vegetazione. l’odore caratteristico dell’aglio svanisce rapidamente e non determina sapori ed odori sgradevoli nelle piante e nei frutti.

Combattere in modo naturale Zanzare Lotta biologica

 

 

The post Disinfestazione Zanzare – Ecologia e sicurezza contro le zanzare appeared first on CleanEco Service.

]]>
http://www.cleanecoservice.it/wordpress/disinfestazione-ecologica/disinfestazione-zanzare.html/feed 0
Disinfestazione delle palme – Come salvare le nostre palme http://www.cleanecoservice.it/wordpress/disinfestazione/disinfestazione-delle-palme.html http://www.cleanecoservice.it/wordpress/disinfestazione/disinfestazione-delle-palme.html#comments Fri, 05 Nov 2010 16:25:26 +0000 http://www.cleanecoservice.it/wordpress/?p=667 Disinfestazione delle palme Come salvare le Nostre palme dal Punteruolo Rosso? L’utilizzo di prodotti chimici volti alla disinfestazione delle palme attaccate dai punteruoli rossi risolve limitatamente il problema per due ordini di motivi: Uccide la stirpe di coleotteri presente sull’albero ma non agisce in maniera efficace sulla riduzione della popolazione di punteruoli rossi totali. Non […]

The post Disinfestazione delle palme – Come salvare le nostre palme appeared first on CleanEco Service.

]]>
Disinfestazione delle palme

Come salvare le Nostre palme dal Punteruolo Rosso?

L’utilizzo di prodotti chimici volti alla disinfestazione delle palme attaccate dai punteruoli rossi risolve limitatamente il problema per due ordini di motivi:

  • Uccide la stirpe di coleotteri presente sull’albero ma non agisce in maniera efficace sulla riduzione della popolazione di punteruoli rossi totali.
  • Non è curativa rispetto alle condizioni in cui la palma è stata ridotta dall’infestazione.

La CleanEco propone una soluzione ecologica ma risolutiva al problema del punteruolo rosso: il trattamento di lotta mediante l’uso di vermi nematodi entomopatogeni (parassiti degli insetti). Questo sistema ci permette una disinfestazione completa della palma, raggiungendo tutti gli esemplari della colonia di punteruolo rosso in tutti i suoi stadi: uovo, larva, pupa, adulto, inoltre assicura il successo della disinfestazione al 100%.

Quando effettuare il trattamento?

Il perdio migliore per l’applicazione di trattamenti su esemplari di palma infestati da punteruolo rosso va da marzo a novembre.

In questo arco temporale, per assicurare la totale disinfestazione dal coleottero, è necessario che l’applicazione del trattamento sia ripetuta ciclicamente per tre volte.

I trattamenti di disinfestazione da punteruolo rosso sono curativi rispetto alla condizione della palma infetta?

Come già anticipato, qualsiasi trattamento , non è in grado di ripristinare il benessere di palme già collassate ma, l’eliminazione delle colonie di punteruolo rosso su esemplari di palme infette ai primi stadi, non ne compromettono il successivo sviluppo.

In questo senso, vista anche la difficoltà di diagnosi precoce di infestazione da punteruolo rosso, La CleanEco consiglia di effettuare trattamenti preventivi di protezione delle piante durante tutto l’anno mediante irrorazione o endoterapia di prodotti a base di azadiractina.

L’azadiractina è un estratto naturale di olio di neem, atossico per la specie umana e i vertebrati in genere ma altamente letale per gli insetti.

Inoltre, l’azadiractina, ha un duplice effetto:

  • Produce un effetto scudo sugli esemplari di palme non infette in quanto le rende inappetibili al punteruolo rosso riducendo i rischi di infestazione;
  • Rende più forti e permette un rinfoltimento della chioma anche di esemplari precedentemente infestati da punteruolo rosso.

Il sistema di disinfestazione integrata da noi proposto e adottato risulta essere il più ecologico, ecocompatibile ed efficace sul mercato.

Disinfestazione delle palme

Trattameto effettuato il 13-ott-2010 l'intervento è stato effettuato in ritardo Palma trattata il 13-ott-2010 l'infestazione era ancora in uno stadio iniziale Stato della Palma al 05-nov-2010 il cuore era troppo danneggiato Stato della palma al 05-nov-2010 siamo riusciti ad intervenire prima che il cuore fosse totalmente danneggiato Vicinanza degli esemplari infestati e trattati simultaneamente

The post Disinfestazione delle palme – Come salvare le nostre palme appeared first on CleanEco Service.

]]>
http://www.cleanecoservice.it/wordpress/disinfestazione/disinfestazione-delle-palme.html/feed 1
Derattizzazione Industria Alimentare – Come effettuarla http://www.cleanecoservice.it/wordpress/disinfestazione/derattizzazione-industria-alimentare.html http://www.cleanecoservice.it/wordpress/disinfestazione/derattizzazione-industria-alimentare.html#respond Thu, 04 Nov 2010 08:37:29 +0000 http://www.cleanecoservice.it/wordpress/?p=684 Derattizzazione Industria Alimentare  – come effettuarla – qual’è la normativa   Problemi sanitari, danni economici ma anche danni di immagine rappresentano presupposti più che sufficienti per bonificare un ambiente di lavoro o comunque un ambiente frequentato da persone o animali. La pianificazione di un intervento deve tener conto degli aspetti ecologici e dell’impatto sull’ambiente e […]

The post Derattizzazione Industria Alimentare – Come effettuarla appeared first on CleanEco Service.

]]>
Derattizzazione Industria Alimentare  – come effettuarla – qual’è la normativa

 

Problemi sanitari, danni economici ma anche danni di immagine rappresentano presupposti più che sufficienti per bonificare un ambiente di lavoro o comunque un ambiente frequentato da persone o animali.

La pianificazione di un intervento deve tener conto degli aspetti ecologici e dell’impatto sull’ambiente e pertanto non può prescindere dall’applicazione della lotta integrata a basso impatto ecologico.

Molteplici sono le realtà interessate dalla presenza di topi e ratti ma su tutte una particolare attenzione deve essere rivolta a quelle aziende che hanno a che fare con gli alimenti (
Derattizzazione Industria Alimentare
).

Decreto del Presidente della Repubblica n° 327 del 26/03/1980

Regolamento di esecuzione della L. 30 aprile 1962, n.283 , e successive modificazioni, in

materia di disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e

delle bevande.

 

Art. 35 – Mezzi di lotta contro gli insetti e gli animali nocivi.

Nei locali di cui all’art. 2, lettera a), del presente regolamento debbono essere attuati

efficaci mezzi di lotta e di precauzione contro gli insetti, i roditori ed altri animali nocivi.

Tali mezzi non debbono costituire pericolo di danno anche indiretto per l’uomo, a causa di

contaminazione delle sostanze alimentari.

Derattizzazione Industria Alimentare il DPR..

DPR 327 del 26-mar-1980

The post Derattizzazione Industria Alimentare – Come effettuarla appeared first on CleanEco Service.

]]>
http://www.cleanecoservice.it/wordpress/disinfestazione/derattizzazione-industria-alimentare.html/feed 0
Decreto Biocidi – derattizzazione ecologica http://www.cleanecoservice.it/wordpress/derattizzazione/decreto-biocidi-derattizzazione-ecologica.html http://www.cleanecoservice.it/wordpress/derattizzazione/decreto-biocidi-derattizzazione-ecologica.html#respond Thu, 04 Nov 2010 08:24:15 +0000 http://www.cleanecoservice.it/wordpress/?p=671 Decreto Biocidi – derattizzazione ecologica Ministero della Salute DECRETO 11 marzo 2010 Attuazione della direttiva 2009/84/CE, recante modifica della direttiva 98/8/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 febbraio 1998, relativa all’immissione sul mercato dei biocidi, al fine di procedere all’inclusione della sostanza attiva fluoruro di solforile nell’allegato I della direttiva. (10A06552) (G.U. Serie […]

The post Decreto Biocidi – derattizzazione ecologica appeared first on CleanEco Service.

]]>
Decreto Biocidi – derattizzazione ecologica

Ministero della Salute

DECRETO 11 marzo 2010

Attuazione della direttiva 2009/84/CE, recante modifica della direttiva 98/8/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 febbraio 1998, relativa all’immissione sul mercato dei biocidi, al fine di procedere all’inclusione della sostanza attiva fluoruro di solforile nell’allegato I della direttiva. (10A06552) (G.U. Serie Generale n. 122 del 27 maggio 2010)

Art. 2

1. I presidi medico-chirurgici autorizzati anteriormente alla data

di entrata in vigore del presente decreto, contenenti fluoruro di

solforile come unica sostanza attiva e che rientrano nella categoria

degli insetticidi, acaricidi e prodotti destinati al controllo degli

altri artropodi, formano oggetto di nuova valutazione ai fini del

rilascio dell’autorizzazione come prodotti biocidi.

2. Entro il 30 giugno 2011, i titolari di autorizzazioni di presidi

medico-chirurgici di cui al comma 1 presentano al Ministero della

salute, per ogni presidio medico-chirurgico, per il quale si intenda

ottenere il mutuo riconoscimento o l’autorizzazione come prodotto

biocida, una specifica richiesta, corredata da tutti gli elementi

previsti dall’art. 6 e dall’art. 9, del decreto legislativo 25

febbraio 2000, n. 174.

3. Entro il 30 giugno 2013, verificato il ricorrere delle

condizioni di cui all’art. 7 del decreto legislativo 25 febbraio

2000, n. 174, il Ministero della salute procede al rilascio di una

nuova autorizzazione come biocida, che sostituisce l’autorizzazione

come presidio medico-chirurgico a suo tempo rilasciata, o, in caso di

esito negativo della valutazione, procede ai diniego

dell’autorizzazione e alla contestuale revoca dell’autorizzazione

come presidio medico-chirurgico.

4. Con i decreti di cui al comma 3, di autorizzazione o diniego, il

Ministero fornisce le indicazioni riguardanti il ritiro dal mercato

dei presidi medico chirurgici a suo tempo autorizzati.

5. Le autorizzazioni dei presidi medico-chirurgici di cui al comma

1, per i quali ai 30 giugno 2011 non e stata presentata alcuna

richiesta di autorizzazione come prodotto biocida, si considerano

revocate per effetto dei presente decreto con decorrenza 31 dicembre

2011 e i relativi prodotti non possono piu’ essere immessi sul

mercato, venduti o ceduti al consumatore finale dopo il 30 giugno

2012.

6. Le disposizioni di cui ai commi precedenti non si applicano ai

presidi medico-chirurgici contenenti piu’ di un principio attivo. Per

essi i termini per la presentazione delle richieste e per la

conseguente valutazione saranno fissati conformemente a quanto

stabilito nelle decisioni di iscrizione relative agli altri principi

attivi presenti nella loro composizione.

Decreto Ministeriale Biocidi 31-mar-2008


derattizzazione ecologica derattizzazione ecologica derattizzazione ecologica

The post Decreto Biocidi – derattizzazione ecologica appeared first on CleanEco Service.

]]>
http://www.cleanecoservice.it/wordpress/derattizzazione/decreto-biocidi-derattizzazione-ecologica.html/feed 0
Derattizzazione Ecologica http://www.cleanecoservice.it/wordpress/derattizzazione-ecologica/derattizzazione-ecologica.html http://www.cleanecoservice.it/wordpress/derattizzazione-ecologica/derattizzazione-ecologica.html#respond Wed, 03 Nov 2010 11:10:50 +0000 http://www.cleanecoservice.it/wordpress/?p=601 La CleanEco, per la derattizzazione ecologica, si avvale del SISTEMA EKO per risolvere ecologicamente il problema dei ratti e dei topi. Tale procedura viene svolta in maniera assolutamente naturale, garantendo all’utente finale igiene e sicurezza in quanto non usa veleni, colle o sostanze nocive. Il Sistema Ekomille è sicuro e sperimentato, garantisce il monitoraggio degli […]

The post Derattizzazione Ecologica appeared first on CleanEco Service.

]]>
La CleanEco, per la derattizzazione ecologica, si avvale del SISTEMA EKO per risolvere ecologicamente il problema dei ratti e dei topi.

Tale procedura viene svolta in maniera assolutamente naturale, garantendo all’utente finale igiene e sicurezza in quanto non usa veleni, colle o sostanze nocive. Il Sistema Ekomille è sicuro e sperimentato, garantisce il monitoraggio degli ambienti e la cattura massiva di topi e ratti. Frutto di molti anni di studi, ricerche e sperimentazioni che hanno coinvolto lo zoo e l’Università La Sapienza di Roma.

Vantaggi Sistema Eko per la derattizzazione ecologica

Il Sistema Eko unico nel suo genere garantisce:

  • Sicurezza e igiene, non si disperdono carcasse infette nell’ambiente.
  • Eco-compatibilità, non vengono impiegati veleni o sostanze tossiche.
  • Efficacia e misurabilità, con risultati tangibili e documentabili.
  • Cattura multipla e continua, efficace su ogni specie di infestanti murini.
  • Economia di intervento, a regime necessari solo poche ispezioni periodiche.
  • Metodo meno cruento per gli animali, si evita la lunga atroce agonia da avvelenamento o da morte per inedia causata dalle trappole collanti.
  • Possibilità di catture a vivo.
  • Non colpisce altri animali domestici o selvatici che spesso invece rimangono vittime di esche o carcasse di murini avvelenati.
  • Eko compatibilità con l’arredo urbano.

Derattizzazione ecologica

Ekomille Isola Ecologica Esempio di multicattura garanzia di igiene e sicurezza carcassa ratto Isola Ekologica Isola Ekologica

The post Derattizzazione Ecologica appeared first on CleanEco Service.

]]>
http://www.cleanecoservice.it/wordpress/derattizzazione-ecologica/derattizzazione-ecologica.html/feed 0